HomePressComunicati Stampa › CAPPELLINI TORNA AD ARTISSIMA

CAPPELLINI TORNA AD ARTISSIMA

Stampa

L'ARREDO DI ALTO DESIGN ARREDA LA VIP DESK E L’ARTISSIMA LIVE DELLA FIERA INTERNAZIONALE D’ARTE CONTEMPORANEA

Cappellini torna ad Artissima. La 23a edizione della Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea che si terrà a Torino dal 4 al 6 novembre prossimi a Torino, ha chiesto a Cappellini di arredare lo spazio dedicato all’accesso e all’accredito degli special guest e l’Artissima Live, nel parterre della Fiera e zona riservata a stampa e social media e utilizzata anche come “studio televisivo” per interviste e riprese video.
Cappellini, che produce arredo d’altissima qualità nel segno della tradizione Made in Italy, ha accolto nuovamente con piacere l’invito realizzando due ambientazioni che mostrassero alcuni fra gli esempi più interessanti del suo design contemporaneo, senza trascurare la funzione pensata per quegli spazi. Così ha scelto le librerie Cloud che ha abbinato alle poltroncine Frac per la Vip Desk, proprio per le loro forme morbide e sinuose che danno subito la sensazione di accoglienza e calore. La modularità di Cloud unita al comfort di Frac, rendono lo spazio perfetto per una breve sosta e il ritiro di tutti i materiali utili a conoscere e visitare in modo approfondito la Fiera.
Per “Artissima live”, spazio dedicato agli addetti all’informazione e alle interviste anche video, Cappellini ha voluto ricreare una lounge optical in bianco e nero, scegliendo l’impatto scenografico delle nuovissime poltrone Drum, con tutta la forza delle loro infinite configurazioni geometriche, esaltate dal tessuto elasticizzato a stampa geometrica ad effetto 3D bianco e nero. Accanto, una serie di tavoli quadrati Fronzoni ’64, sempre in bianco e nero, con le sedute Mr.B in rosso lucidissimo a spezzare il gioco ottico. Qua e là, a scacchiera, i tavolini Bong bianchi e neri.
Per Cappellini tornare a collaborare con Artissima è una bellissima occasione per far conoscere il design contemporaneo a più persone. Creare nuovi modi di vivere lo spazio è sempre un modo di fare arte perché è anch’esso espressione di pensiero, fantasia e realtà.