HomePressComunicati Stampa › Cappellini lancia la campagna pubblicitaria 2016 all’insegna di uno stile di vita smart. E la multiculturalità progettuale è protagonista.

Cappellini lancia la campagna pubblicitaria 2016 all’insegna di uno stile di vita smart. E la multiculturalità progettuale è protagonista.

Stampa
Cappellini, brand di riferimento nella ricerca formale e concettuale sul design d’avanguardia, lancia
la nuova campagna pubblicitaria per raccontare la propria visione dell’abitare. Ricalcando le
dinamiche comportamentali e le abitudini di vita della società contemporanea, il concept creativo è
sviluppato sul claim Smart people love Cappellini. Protagonista dell’immagine è un gruppo
multietnico di ragazzi, ritratti in un ambiente luminoso, open dal punto di vista architettonico e
arredato con alcuni di pezzi Cappellini.
La multiculturalità che definisce l’approccio di Cappellini nella selezione dei progetti e dei loro
autori è sottolineato anche dalla scelta degli arredi presentati nella campagna. Dal tavolo Lochness
alla libreria Bookshelf, fino alle poltroncine Acciaio longue, l’azienda è protagonista di uno
straordinario dialogo fra linguaggi creativi provenienti da culture vicine e lontane. Per offrire una
visione dell’abitare trasversale che esalta il valore identitario da cui nasce ogni progetto.
Movendosi in uno spazio ibrido in cui si alternano o si sovrappongono dinamiche lavorative e
consuetudini domestiche, i giovani protagonisti della campagna rappresentano la generazione
global che in qualsiasi città del mondo sceglie soluzioni abitative confortevoli e friendly senza
rinunciare alla ricerca stilistica e qualitativa.
Smart è il termine intorno a cui si definisce questo progetto di comunicazione che rispecchia
un’epoca in cui tutto è agile e veloce, dall’uso della tecnologia alle relazioni tra le persone, dalla
gestione del lavoro all’amministrazione domestica. Gli individui sono sempre più interpreti della
propria vita e liberi da schemi precostituiti, contribuendo a definire le caratteristiche della
contemporaneità. La casa o l’ambiente di lavoro sono gli spazi abitativi maggiormente influenzati
da questi cambiamenti.