HomePressComunicati Stampa › Salone del Mobile 2013

Salone del Mobile 2013

Stampa

"Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose."
Albert Einstein

“Cappellini ROOMS”

Come ogni anno Cappellini ci stupisce per la propria capacità di inventare un nuovo modo per raccontare la propria unicità. “Cappellini ROOMS” è un allestimento contemporaneo con rimandi al passato e spunti suggeriti dalla moda e dal costume. Architetture destrutturate compongono un villaggio circolare su due livelli, dieci box sovrapposti svelano lo styling che racchiudono tramite una parete aperta che rende l’interno visibile solo a chi entra nella piazza centrale. Unica eccezione il contenitore dell’installazione “Cappellini NEXT” aperto verso l’esterno sopra l’accesso principale, per invitare i visitatori ad entrare nel mondo Cappellini e scoprire l’allestimento di quest’anno. All'ingresso una teca raccoglie i nuovi preziosi prodotti della collezione “Progetto Oggetto” mentre al centro a terra sono disposte tutte le novità 2013, un incentivo al pubblico ad interagire con esse, illuminate dall’alto da una pioggia di 64 stupefacenti lampade Meltdown.


Dieci scatole indipendenti e non accessibili, involucri color sabbia e pareti interne che vanno dal rosa al rosso scuro e mettono in scena ambienti fra loro differenti: una zona living o una camera da letto di una casa cosmopolita oppure uno spazio lounge di un hotel metropolitano. Gli ambienti sono arredati ora con elementi immateriali disegnati sulle pareti e sul pavimento, ora con oggetti straordinari che raccontano l'arte artigianale del saper dare una forma ad un pensiero progettuale.
Prodotti in vari materiali che identificano la nostra storia e cultura, capostipiti di una tradizione produttiva che deve essere assolutamente difesa e valorizzata. Interni eccezionali che raccontano storie di prodotti destinati ad accompagnarci nel tempo, non più tendenze passeggere e brevi mode, ma libertà nell’abbinare forme a materiali, con un grande ritorno del legno e delle sensazioni di comfort e sicurezza ad esso associate. Suggestioni, ricordi ed ironia in un mix di collezione 2013 e prodotti più recenti proposti in nuove finiture per incontrare la sensibilità di un mercato sempre più esigente.

E poi le quattro “Edizioni Limitate”: il bellissimo progetto “Inflated Wood” di Zanini de Zanine, che utilizza legno di riciclo delle vecchie fazendas brasiliane; l’enigmatica lampada “Eye Shadow” di Marcel Wanders, un oggetto che ci osserva con mille occhi…; le 24 “S-Chair” numerate e rivestite in Alcantara® animalier e infine 12 sedie “330” dipinte a mano da Eleonora Di Maio, il rivestimento in lino grezzo diventa manifesto: “Viva l’Italia”.

“Cappellini NEXT”

Dopo il successo del 2012, prosegue il progetto “Cappellini NEXT”. Anche in questa edizione del Salone Cappellini presenta una selezione di prototipi come originariamente pensati dai progettisti nella loro prima fase, senza alcun intervento dell’azienda. Questa operazione esprime al massimo l’animo di esplorazione e di ricerca di Cappellini, al di fuori di ogni compromesso commerciale: i prodotti non vengono presentati come prototipi a seguito dell'intervento o della contaminazione del brand, ma proposti come originariamente progettati dai designer. Questo tema contraddistingue da sempre lo spirito di Cappellini e la sua volontà di analizzare come si muove il pensiero del design contemporaneo alle diverse latitudini. I progetti, individuati e selezionati da Giulio Cappellini con l’intento di valorizzare le manifatture locali, provengono dai luoghi più disparati e sono chiara espressione delle influenze geografiche e culturali di provenienza del designer, dalla matericità del Perù alla pragmaticità del design nordico. GlimptStudio-Svezia/Prehistoric Aliens, Camilla Richter-Germania/Paravent, Florian Schmid-Germania/StitchingConcrete, Max Lipsey-Usa/Acciao Lounge.